segreteriafimpsicilia@gmail.com

IV Congresso Nazionale Scientifico: Inaugurazione.

MELE_RIRENZE_2010

 

 

 MINISTRI_FIRENZE_2010

 

  

 

 

  

IV CONGRESSO NAZIONALE SCIENTIFICO FIMP

 Il pomeriggio inaugurale, la lettura magistrale del Presidente Mele.

La sala dell’Auditorium del Palazzo dei Congressi di Firenze era stracolma anche sui loggioni, moltissimi in piedi, l’aria è stata da subito quella delle grandi occasioni.

Presenti il Ministro Fazio, il Sottosegretario Martini, ed altri politici in rappresentanza del Governo, il Presidente della FNOMCeO Bianco, il Segretario nazionale FIMMG Milillo, i rappresentanti di altre autorevoli sigle sindacali, rappresentanti della SISAC, dell’AGENAS, associazioni, magistrati, molte testate giornalistiche, televisioni, uomini e donne dello spettacolo (Annalisa Minetti con i suoi virtuosismi vocali, Luca Barbareschi, Alessandro Cecchi Paone, il tutto con l’abile conduzione di Michele Mirabella).

 

Poco prima delle diciassette il Presidente della FIMP, Giuseppe Mele, apriva i lavori con il suo intervento: quarantacinque minuti di politica e cuore, interrotti più volte da lunghi applausi di approvazione.

Il Presidente ha sviluppato il suo intervento, attraverso una vera e propria lettura magistrale, avendo come riferimento principale proprio le “cicatrici su pittura fresca”. Ha tracciato un identikit inquietante ma vero ed attuale dei nostri bambini e adolescenti, sottolineando che l’indipendenza, la scafatezza i comportamenti libertari, il rifiuto di accettare le regole imposte dalla società non possono essere visti come  segni di una qualsivoglia patologia. Al contrario, devono essere considerati come reazioni alle troppe piccole e grandi ingiustizie, alle meschinerie, alle “trappole” messe in atto da una organizzazione che tende a incasellare, a legittimare, secondo uno schema che, fondato su principi razionalistici, tenda a imporre un proprio “ideale” sociale, organizzativo e normativo, che dovrebbe spingere e sostenere lo sviluppo. In questo quadro, molto chiaro, si è inscritto il richiamo filosofico del Presidente Nazionale, durante il suo. Quattro filosofi quattro pietre angolari dell’io umano in evoluzione. Un salto di qualità per affrontare delicatamente sui due crinali del rapporto medico/assistito quella che genericamente viene definita come “crisi di identità. È stato un richiamo, colto, al rifiuto dei modelli che genera una frattura generazionale nella quale i giovani non trovano giustificazioni per i comportamenti degli adulti e questi non riescono a far propri (comprendere positivamente) gli atteggiamenti nichilisti, di rinuncia e di opposizione espressi senza imiti dai giovani.

Il Presidente Mele ha voluto lanciare un messaggio chiaro, ossia che come pediatri non si possa accettare il paradigma della crisi di identità e, di converso, è doveroso porsi alcune domande concrete, su come questa ferita dell’anima non possa essere superata semplicemente indicando la via, ma percorrendola a fianco dei giovani che, non va dimenticato, sono stati in grado di cambiare il mondo, anche in momenti storici ben più difficili di quelli attuali

L’interevento di elevato contenuto pedagogico e culturale, ma anche progettuale del Presidente, non ha tralasciato gli aspetti politico-contrattuali, anzi li ha esaltati, mettendo in risalto la sua vera vocazione, ossia quella sindacale e politica. Con molta abilità ha rappresentato una serie di richieste esplicite al Ministro che, nella sua replica le ha accolte affermativamente, assicurando il suo impegno fattivo. Ma il Ministro è voluto andare oltre, proprio a suggellare la sua onestà, nominando il Presidente Mele componente della Commissione nazionale vaccini del Ministero.

Il Ministro Fazio ha inoltre voluto sottolineare che il rapporto con il Presidente Mele è divenuto un prezioso punto di collaborazione e confronto per il Ministero. Fazio ha aggiunto che il supporto manifestato alla FIMP intende non solo mantenerlo ma implementarlo, infatti, il Ministro riconosce l’imprimatur della FIMP nella richiesta di aumento dei posti delle scuole di specializzazione pediatrica, assicurando di volerli aumentare almeno a 250 e che, cosa fino ad ora impensabile, sarà inserito nei programmi della scuola (era presente il Direttore Generale di settore che ha avuto delega dal Ministro in questo senso) la parte relativa alla formazione specialistica in pediatria di famiglia.

In conclusione il Presidente della FIMP è andato diritto al cuore dei problemi ha dichiarando, dati e fatti alla mano, in modo chiaro la vocazione poliedrica del Federazione: sindacato, formazione, scienza, ricerca, aggiornamento e cultura: tutto questo è la Fimp, e la Fimp è in tutto questo.

E il Ministro è stato esemplare nell’essere altrettanto puntuale dichiarando che determinerà un tavolo di confronto tra regioni, Fnom sindacati e ministero, in merito alla certificazione on line, affermando che proprio in ragione del fatto che essendo medico la pensa esattamente come il Presidente Mele.

Ma Fazio è anche stato chiaro sulla questione relativa all’accordo integrativo per la indennità di vacanza contrattuale. Il Ministero sarà affianco ai sindacati per la riapertura di uno specifico tavolo di confronto.

Un aspetto che va sottolineato e che è riecheggiato con forza, ma anche come speranza, nel salone congressuale gremito, accolto con fragorosa esultanza dai numerosi pediatri siciliani presenti, è stato quando nel suo intervento il Sottosegretario On. Francesca Martini, nota per la sua competenza per la sua attenzione nei confronti della pediatria di famiglia, ha tenuto a sottolineare che, proprio in ragione delle sue deleghe, di volere vigilare in modo forte e anche pressante su quelle regioni in piano di rientro, chiarendo che esso non deve rappresentare alibi od ostacolo per la definizione e la sottoscrizione degli accordi integrativi regionali. Ma fatto di grande impatto, sul piano pol
itico, puntuale e senza parafrasi, è stato quando la Martini ha voluto dare risalto la vicenda dell’Accordo Integrativo per la Pediatria in Sicilia, per il quale ha affermato di volere esercitare la sua vigilanza seguendone da vicino e con molta attenzione le vicende e l’epilogo.

 

 

 

 

Add Comment